Forum Książki Strona Główna Forum Książki
Witamy w Księgogrodzie!

FAQFAQ  SzukajSzukaj  UżytkownicyUżytkownicy  GrupyGrupy  StatystykiStatystyki
RejestracjaRejestracja  ZalogujZaloguj  Chat  DownloadDownload

Poprzedni temat «» Następny temat
Italo Calvino negli anni 1955-85
Autor Wiadomość
Witalis 
Jerzy Hinc



Dołączył: 30 Sty 2016
Posty: 61
Wysłany: 2018-08-06, 20:31   Italo Calvino negli anni 1955-85

Luiza Alicja Cent
Una sola moltitudine: perseguendo l’ideale di esattezza e molteplicità
Evoluzione del progetto poetologico di Italo Calvino negli anni 1955-85

Prefazione di Joanna Ugniewska

ISBN 978-83-7507-251-8
format B-5, pp. 197
link

Luiza Alicja Cent ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Italianistica presso la Facoltà di Italianistica dell’Università di Varsavia, dove ha anche insegnato Lingua italiana. Ha trascorso svariati anni a Roma svolgendo la sua ricerca e frequentando corsi di letteratura presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e “Tor Vergata”. I suoi interessi si concentrano sulla letteratura postmoderna italiana ed europea e il canto lirico. Moglie e di recente anche felice mamma, si è dedicata alla vita famigliare e alla scrittura di un romanzo sulle memorie d’infanzia trascorsa in Africa.



In bilico tra il moderno e il postmoderno, il classico-umanistico e l’innovativo-scientifico, il progetto letterario di Italo Calvino è spinto dal desiderio di dare un senso al disordine del reale. Da qui emerge l’importanza del valore di esattezza e molteplicità: i due poli d’attrazione della sua scrittura. Mentre il primo corrisponde all’idea di ‘appoggiare’ i racconti su strutture razionali solide come le figure geometriche o le formule matematiche, gli ‘algoritmi dell’esistenza’ capaci di abbracciare, in un’unica figura o simbolo, una molteplicità di soluzioni in atto e potenziali, il secondo privilegia l’apertura del discorso letterario al pulviscolo delle cose minimali e sfuggenti alle classificazioni. Il momento della conciliazione avviene nel testo Le città invisibili, dove il lirismo onirico delle numerose descrizioni di città viene accostato ad una strutturazione formale dell’indice talmente elaborata da sembrare “invisibile”. Queste caratteristiche fanno avvicinare il libro alla figura del cristallo, simbolo più alto di chiarezza stilistica e ordine razionale. Grazie alle sue numerose sfaccettature, il cristallo è in grado di infrangere la luce producendo una moltitudine di immagini contemporanee. Diventa così il modello ideale della realtà, in grado di concentrare, in un’unica figura perfetta, una moltitudine di possibilità parallele.
_________________
Jerzy Hinc (nauczyciel)
 
     
Wyświetl posty z ostatnich:   
Odpowiedz do tematu
Nie możesz pisać nowych tematów
Nie możesz odpowiadać w tematach
Nie możesz zmieniać swoich postów
Nie możesz usuwać swoich postów
Nie możesz głosować w ankietach
Nie możesz załączać plików na tym forum
Możesz ściągać załączniki na tym forum
Dodaj temat do Ulubionych
Wersja do druku

Skocz do:  


Forum KGB

Powered by phpBB modified by Przemo © 2003 phpBB Group
Strona wygenerowana w 0,07 sekundy. Zapytań do SQL: 12